Via Rosario Contemporanea

Il Museo è accolto in un’antica dimora del quartiere Castello di Moliterno. Ne conserva immutato il fascino delle travi in legno e del cotto fatto a mano.

Ospita una collezione permanente di arte contemporanea, di artisti di levatura internazionale (Mimmo Paladino, Achille Bonito Oliva, Umberto Mastroianni, Hans Hartung, Antoni Tàpies, ecc.) nonché mostre temporanee di grandi artisti.

Infatti  dal 28 maggio al 31 agosto 2016 è stata ospitata  la mostra antologica del maestro Riccardo Dalisi, artista di origine potentine, affermato  architetto, designer e scultore di livello internazionale.

OMAGGIO A FRANÇOIS MORELLET:

Sabato 7 aprile 2018, alle ore 18.00, il Sistema ACAMM inaugura nei suoi musei (Aliano, Museo Paul Russotto; Castronuovo Sant’Andrea, MIG; Moliterno, MAM; Montemurro, Fondazione Leonardo Sinisgalli), l’Omaggio a François Morellet, in occasione della mostra che la Dia Art Foundation di New York dedica al grande artista francese.

Le opere grafiche, pubblicate nel 1975 per una cartella edita da L’Arco Edizioni d’Arte e Galleria della Trinità in occasione di una mostra romana che faceva seguito al gran premio vinto alla tredicesima Biennale di San Paolo del Brasile e alla prima retrospettiva del GRAV su un battello navigante sul lago di Como, introdotte da Giuseppe Appella e Giovanna Dalla Chiesa, fanno il punto su un lavoro che per decenni ha cercato di instaurare un dialogo tra spettatore e artista, al fine di costringerci a considerare, attraverso segni e geometrie semplici e al tempo stesso complesse, quanto e come la realtà che ci circonda sia “altro” da ciò che quotidianamente accogliamo.

L’illusione ottica della terza dimensione anima anche queste opere che hanno per direttrice un segno nero disposto su uno spazio bianco mediante rigorose gradazioni angolari portate a  sovrapporsi o a intersecarsi, ad aprire o a chiudere inediti percorsi visivi. Il recupero e la costruzione del senso del rapporto tra mondo percepito e mondo percipiente (effettuato dalla nuova dimensione filosofica dell’arte), trovano in Morellet uno dei ricercatori che più attentamente sollecitano i rapporti tra la componente “artistica” e quella “scientifica”. Il che spiega le ragioni del costante interesse di Sinisgalli per il suo lavoro.

Nelle serigrafie della cartella esposta l’organizzazione percettiva del “campo” avviene in cinque tempi e ogni tempo è un’area in cui i segni variano di densità-tensione-estensione, di frequenza-ritmo-durata, pervenendo ad una serie di trames-textures che saggiano le infinite possibilità di determinazione del segno nello spazio.

Il passaggio da un foglio quadrato all’altro (il quadrato come spazio magico in cui il segno capta l’espansione) è un allenamento delle facoltà percettive per arrivare, attraverso modulazioni e rapporti di tensione, nel rigore matematico che regge la struttura del pensiero, ad una presa di coscienza della stimolazione visuale.

La mostra resterà aperta fino al 30 giugno 2018.

OMAGGIO AD ANTONIETTA RAPHAËL: disegni e opere grafiche 1928-1975

Il Sistema dei Musei e dei Beni Culturali ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’Andrea, Moliterno, Montemurro), rende omaggio ad Antonietta Raphaël Mafai in una nuova mostra condivisa che, come le altre sperimentate nel corso del 2017 con Guido Strazza, Mario Cresci, Fausto Melotti, Giulia Napoleone e Kengiro Azuma, hanno dato il destro al quadrilatero per mettere in piedi un omaggio tutto lucano all’artista lituana che era stata tra Agri e Sinni nel 1972, dividendo 50 opere, tra disegni, tempere e opere grafiche (datate 1928 – 1975) nei musei MIG, Paul Russotto, MAM e Casa delle Muse di Leonardo Sinisgalli. Un itinerario a tappe, che spinge il visitatore a recarsi nei luoghi di cultura dei quattro paesi per ripercorrere la produzione artistica della Raphaël attraverso i suoi nudi (Aliano), i d’aprés (da Cézanne, Picasso, Cambiaso) e le opere grafiche (Castronuovo Sant’Andrea), i paesaggi (Moliterno), gli autoritratti e i ritratti delle figlie o di Mario Mafai (Montemurro).

La mostra, la prima del nuovo anno per la rete ACAMM, è stata annunciata a Roma, presso la Galleria Nazioneale di Arte Moderna, in occasione della conferenza stampa di presentazione del Palinsesto ACAMM 2018, che ha visto la partecipazione, tra i tanti, anche di Giulia Mafai, figlia di Antonietta Raphaël e Mario Mafai.

OMAGGIO A KENGIRO AZUMA:

A partire da sabato 4 novembre 2017, il circuito ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’ Andrea, Moliterno e Montemurro), rende omaggio a Kengiro Azuma tutto lucano, esponendo in contemporanea nei presidi culturali dei quattro paesi, un gruppo di opere tra sculture, pastelli, disegni e opere grafiche (datate 1962-2010). Un itinerario a tappe che spinge il visitatore a ripercorrere le stesse strade di Azuma, nei suoi viaggi in Basilicata tra il 2009 e il 2015

L’occasione viene offerta dalla grande mostra “Marino Marini. Passioni visive”, allestita in Palazzo Fabroni, Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017 rende omaggio a Kengiro Azuma che di Marino fu allievo, assistente e amico.

I presidi culturali ACAMM esporranno, in concomitanza con la mostra di Pistoia fino al 7 gennaio 2018.

OMAGGIO A GIULIA NAPOLEONE:

A partire da mercoledì 20 settembre 2017, il circuito ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’Andrea, Moliterno e Montemurro) rende omaggio a Giulia Napoleone, pittrice e grafica italiana di origini abruzzesi ma profondamente legata alla Lucania, esponendo, in contemporanea nei presidi culturali del quadrilatero, un gruppo di opere realizzate dall’artista nell’arco della sua carriera. L’occasione viene offerta dalla mostra “Dialoghi” che l’Istituto centrale per la grafica di Roma le dedica, dal 15 settembre al 12 novembre 2017, attraverso un’interessante esposizione di 36 libri opera, composti da disegni, per lo più inediti, realizzati dall’artista a partire dal 1963, anno della prima mostra alla Galleria Numero di Firenze. Il ’63 è anche l’anno in cui Giulia Napoleone realizza i primi disegni a inchiostro di china ed esegue le prime incisioni; è la nascita del suo linguaggio formale, dei paesaggi interiori, dei paesaggi “di puntini”, come li definisce lei stessa, di quella ricerca sulla complessità semantica che domina la scena intellettuale e artistica degli anni Sessanta, in cui l’artista opera con la sua personalissima lettura del reale mediata dalla poesia. “La poesia è come un paesaggio – scrive Giulia Napoleone – tutta la comprensione delle cose avviene attraverso la poesia, a tutto corrisponde un verso. La mia lettura è una lettura lenta e tormentata, un processo di assimilazione difficoltoso”. Un dialogo continuo e costante tra poesia e arte visiva caratterizza dunque il suo lavoro, ed ha ispirato la sua scelta per il titolo della mostra, Dialoghi.  Le opere selezionate per le quattro mostre nei musei ACAMM, ripercorrono la carriera di Giulia Napoleone attraverso una selezione di 40 opere tra disegni, incisioni, pastelli e acquarelli.

Le riflessioni sul tema della luce e del segno, saranno approfondite nella mostra del MAM – Musei Aiello di Moliterno, che nella Bibliomediateca “Giacomo Racioppi” con il patrocinio del comune di Moliterno, ospita un gruppo di disegni a china datati 1963 – 2013.

Le mostre allestite nei presidi ACAMM rimarranno aperte fino al 12 novembre 2017.

OMAGGIO A MIMMO PALADINO:

Dopo l’antologica di Riccardo Dalisi del 28 maggio 2016, dopo gli allestimenti fatti in collaborazione con l’ACAMM (Aliano – Castronuovo di Sant’Andrea – Moliterno – Montemurro) di Guido Strazza in occasione della sua personale alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, del 06 febbraio 2017, di Mario Cresci in occasione della mostra antologica alla GAMeC (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo) del 10 febbraio 2017, di Fausto Melotti in occasione della mostra EDEN alla Hauser & Wirth di Zurigo del 1 aprile 2017, ecco , nel giugno 2017 l’omaggio a Mimmo Paladino organizzato dal MAM.

Mimmo Paladino è ritenuto il maggior rappresentante del gruppo di artisti denominato “Transavanguardia”. È conteso dai maggiori musei internazionali e riserva le sue mostre solo ad istituzioni di grande tradizione e prestigio.

Questa considerazione testimonia la stima e la credibilità di cui è investito il museo “Via Rosario Arte Contemporanea” di Moliterno, appartenente al Sistema Museale Aiello, ed è per noi motivo di orgoglio e rinforza il nostro indirizzo di ospitare solo artisti di grande livello. È una questione di serietà e professionalità, prerogative indispensabili per tracciare un presente e un futuro di prestigio e di caratura nazionale.

La mostra rimarrà aperta fino al 10 settembre 2017.

OMAGGIO A FAUSTO MELOTTI:

A partire da sabato 1 aprile 2017, il circuito ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’ Andrea, Moliterno e Montemurro), rende omaggio a Fausto Melotti esponendo, in contemporanea nei presidi culturali dei quattro paesi, un gruppo di opere su carta volte a raccontare una delle più complesse personalità artistiche del Novecento, tra i pochi maestri italiani della sua generazione di riconosciuto valore internazionale.

L’occasione viene offerta dalla retrospettiva, dal titolo EDEN, che la Galleria-Museo Hauser & Wirth di Zurigo dedica al noto artista roveretano attraverso l’esposizione di ceramiche,  sculture, disegni e opere su carta realizzate dopo il 1950, anno in cui Melotti avvia un radicale cambiamento artistico adottando un nuovo vocabolario espressivo, sempre lirico e visionario, suggerito dalla sua formazione scientifica e basato sullo studio della forma, del peso, dell’equilibrio e del movimento.

I presidi culturali ACAMM esporranno, in concomitanza con la mostra di Zurigo, fino al 20 maggio 2017.

Le opere esposte presso il Museo “Via Rosario Contemporanea” di Moliterno e tutte le altre destinate al Parco Letterario “Carlo Levi” di Aliano, al MIG Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale A. Appelladi Castronuovo di Sant’Andrea ed alla Fondazione Leonardo Sinisgalli – Casa delle Muse di Montemurro, provengono dalle collezioni del MIG (Museo Internazionale della Grafica) di Castronuovo Sant’Andrea.

OMAGGIO A MARIO CRESCI:

Quattro mostre, in occasione della mostra antologica alla GAMeCGalleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, per ricordare i lunghi anni spesi in Basilicata. A partire da venerdì 10 febbraio 2017, il circuito ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’ Andrea, Moliterno e Montemurro) rende omaggio a Mario Cresci, una delle voci più interessanti della ricerca fotografica italiana, esponendo, in contemporanea, nei presidi culturali dei quattro paesi, un gruppo di opere provenienti dalle indagini portate avanti negli ultimi 50 anni, non ultimi quelli spesi in Basilicata tra il 1964 e il 1988, lavorando sui concetti di territorio, memoria e archivio mai disgiunti dai problemi dei vari linguaggi espressivi e della visione. L’occasione viene offerta dalla mostra “Mario Cresci. La fotografia del no, 1964 – 2016”, che la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo gli dedica, dal 10 febbraio al 17 aprile 2017, attraverso una interessante esposizione, curata da M. Cristina Rodeschini e dallo stesso Cresci. Gli scatti selezionati per le quattro mostre targate ACAMM, ripercorrono la carriera artistica di Cresci a partire dagli anni Sessanta. Ad Aliano, in Palazzo Caporale, verrà esposto un gruppo di fotografie tratte dai Ritratti mossi e Ritratti reali, realizzati in Basilicata, tra il borgo di Tricarico e Matera, dove il fotografo approdò in più occasioni ripercorrendo le narrazioni di Carlo Levi e le ricerche antropologiche di Ernesto De Martino. Al MIG Museo Internazionale della Grafica di Castronuovo Sant’Andrea, sarà il manifesto del progetto Vedere attraverso, 1994 -2010 ad aprire la mostra, seguito da un autoritratto dinamico dell’artista e da un gruppo di scatti realizzati nell’ambito dell’indagine Attraverso l’arte. Le riflessioni di Cresci sul tema dell’arte, saranno appronfondite al MAM – Musei Aiello di Moliterno, attraverso un nucleo di fotografie che hanno per soggetto alcune delle opere più interessanti delle collezioni dell’Accademia di Belle Arti e della Pinacoteca di Bologna. Presso la Fondazione Sinisgalli – Casa delle Muse di Montemurro, infine, una serie di scatti dal titolo Tarlatana, ispirati dal motivo linguistico della traccia, affrontato e indagato nei suoi legami con la pratica del disegno, dell’incisione e della stampa congiunta all’attività di ricerca sul segno e sull’immagine derivata da matrice (incisa o fotografica), insieme ai ritratti di due noti esponenti del movimento dell’Arte Povera, Alighiero Boetti e Gilberto Zorio, tratti dal progetto fotografico Percorsi. Le mostre allestite nei presidi ACAMM rimarranno aperte fino al 17 aprile 2017.

Le opere esposte presso il Museo “Via Rosario Contemporanea” di Moliterno e tutte le altre destinate al Parco Letterario “Carlo Levi” di Aliano, al MIG Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale A. Appelladi Castronuovo di Sant’Andrea ed alla Fondazione Leonardo Sinisgalli – Casa delle Muse di Montemurro, provengono dalle collezioni del MIG (Museo Internazionale della Grafica) di Castronuovo Sant’Andrea.

OMAGGIO A GUIDO STRAZZA:

In occasione della grande mostra antologica dedicata a Guido Strazza che si terrà presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma dal 6 febbraio al 26 marzo 2017, curata da Giuseppe Appella, la Lucania rende omaggio a Guido Strazza (Santa Fiora di Grosseto, 1922), artista italiano di spicco nel panorama contemporaneo, esponendo nei siti culturali dei quattro paesi facenti parte di ACAMM (Aliano, Castronuovo Sant’Andrea, Moliterno e Montemurro), un gruppo di opere grafiche tese ad evidenziare i rapporti del noto maestro, toscano di origine ma romano di adozione, con i territori in cui operano gli istituti culturali da lui sostenuti anche con la sua presenza all’Accademia Nazionale di San Luca lo scorso 11 gennaio in occasione della conferenza stampa per la presentazione di ACAMM.

Le opere esposte presso il Museo “Via Rosario Contemporanea” di Moliterno e tutte le altre destinate al Parco Letterario “Carlo Levi” di Aliano, al MIG Museo Internazionale della Grafica – Biblioteca Comunale A. Appella di Castronuovo di Sant’Andrea ed alla Fondazione Sinisgalli – Casa delle Muse di Montemurro, provengono dalle collezioni del MIG (Museo Internazionale della Grafica) di Castronuovo Sant’Andrea.

via-rosario

Moliterno, via Rosario, 15.

Guarda l’interno di Via Rosario Contemporanea.

Omaggio a François Morellet nei Musei del Sistema ACAMM 07/04/2018 – 30/06/2018

Omaggio a Antonietta Raphaël nei Musei del Sistema ACAMM 30/01/2018 – 30/03/2018

Omaggio a Kengiro Azuma nei Musei del Sistema ACAMM 04/11/2017 – 07/01/2018

Omaggio a Giulia Napoleone nei Musei del Sistema ACAMM 20/09/2017 – 12/11/2017

Omaggio a Mimmo Paladino 10/06/2017 – 10/09/2017

Omaggio a Guido Strazza nei Musei del Sistema ACAMM 06/02/2017 – 26/03/2017

Omaggio a Mario Cresci nei Musei del Sistema ACAMM 10/02/2017 – 17/04/2017

Omaggio a Fausto Melotti nei Musei del Sistema ACAMM 01/04/2017 – 20/05/2017